Dieselgate, la Germania richiama 22'000 Porsche Cayenne. La casa automobilistica ha dichiarato di assumersi «piena responsabilità» e promesso di collaborare pienamente con le autorità

allerta prodotti

27/07/2017
fumo

Il governo tedesco ha ordinato il richiamo di 22.000 Porsche Cayenne distribuite in Europa, di cui 7.500 in Germania, dopo aver rilevato che con ogni probabilità il motore tre litri installato ha un 'defeat device', un software in grado di manomettere e falsificare le emissioni. Lo ha detto il ministro dei Trasporti Alexander Dobrindt, mentre la casa automobilistica ha dichiarato di assumersi "piena responsabilità" e promesso di collaborare pienamente con le autorità. Dobrindt ha spiegato che i veicoli inquisiti sono "ancora in produzione" e che per questo verrà proibita l'immatricolazione di quelli pronti ad andare sul mercato. Si tratta dell'ultima puntata del 'Dieselgate', lo scandalo delle emissioni partito da Volkswagen e che si sta allargando ad altre case tedesche. L'operazione, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, arriva a poche ore di distanza dalla decisione di Volswagen di richiamare volontariamente più di 4 milioni di vetture per apportare dei cambi ai motori diesel. 

Galleria immagini


Stampa l'articolo

Sportello dei diritti O.N.L.U.S. - Via L. Sturzo n. 40 - 73100 Lecce - C.F. 93106630754
Tel. 320 84.96.515 - info@sportellodeidiritti.org - Privacy Policy - Cookie Law

ClioCom © copyright 2017 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati