Ritirato dalle farmacie l'integratore di vitamina D3. Allerta rapida di Rasff nei Paesi Ue

allerta prodotti

15/07/2017
medici che protestano

Ritirato dalle farmacie un integratore di Vitamina D3, che spesso viene assunta da donne incinte e bambini sotto i tre anni. Il provvedimento, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, in attesa che il Ministero della salute comunichi sul suo sito web la marca ed i lotti, costituisce una misura precauzionale e non è legato a problematiche di sicurezza o ad alcun evento di carattere medico in Italia. Mentre in Spagna, dalla fine di giugno 2017 ad oggi, sono rimasti intossicati 251 bambini che hanno assunto il Mulsiferol 600.000 UI / 10 ml. La vitamina D è largamente considerata la più tossica di tutte le vitamine e i tremendi avvertimenti a riguardo sono spesso divulgati per evitare un eccesso di vitamina D sia nella dieta che nell’esposizione solare. Il dibattito sulla vitamina D ha comunque mancato di prendere in considerazione l’interazione tra la vitamina A, D e K. Varie evidenze suggeriscono che la tossicità della vitamina D risulta da una carenza relativa di vitamine A e K. Quindi, la soluzione non è quella di evitare l’esposizione solare o i cibi ricchi di vitamina D ma piuttosto di unire a queste azioni (e aumentare) l’assunzione di vitamine A e K, con la dieta e/o integratori. La segnalazione diffusa ieri dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti, farmaci e presidi medici (RASFF) è stata inviata dal Ministero della salute italiano, da San Marino e dal Ministero della salute spagnolo.

Galleria immagini


Stampa l'articolo

Sportello dei diritti O.N.L.U.S. - Via L. Sturzo n. 40 - 73100 Lecce - C.F. 93106630754
Tel. 320 84.96.515 - info@sportellodeidiritti.org - Privacy Policy - Cookie Law

ClioCom © copyright 2017 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati