Sospetta intimidazione ad Otranto forse per l'attività di denuncia di un cittadino. Lo Sportello dei Diritti: si indaghi

Sicurezza

05/03/2017
bambini salvati dai bombardamenti in siria

Lunotto rotto con violenza e senza lasciare, almeno in apparenza, alcuna traccia. È accaduto sabato sera intorno alle 20 a Otranto, dove ad essere stata danneggiata è stata l’autovettura di Luciano Esposito, un cittadino con un trascorso nella Marina Militare, senza peli sulla lingua e che da anni denuncia pubblicamente disservizi, malaburocrazia e anomalie che riguardano la propria comunità, collaborando anche con lo “Sportello dei Diritti". Un episodio, in ogni caso, da non sottovalutare anche perché solo nei giorni scorsi lo stesso Esposito aveva pubblicato un post su Facebook nel quale prendeva posizione sui lavori in corso sulla villa comunale del comune adriatico, che aveva destato un’aspra discussione tra i suoi concittadini. Ovviamente, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti", non sta a noi sollecitare gli inquirenti, che senz’altro saranno stati messi in moto dalla denuncia portata alla loro attenzione per verificare se si sia trattato di un semplice atto vandalico o di una ben più grave intimidazione. Siamo certi però, che nessuno riuscirà a mettere il bavaglio all’amico Luciano.

Galleria immagini


Stampa l'articolo

Sportello dei diritti O.N.L.U.S. - Via G. D'Annunzio 37 Lecce - C.F. 93106630754
Tel. 320 84.96.515 - info@sportellodeidiritti.org - Privacy Policy - Cookie Law

ClioCom © copyright 2017 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati